Enoitalia è il progetto e la visione di una famiglia che da trenta anni si dedica alla produzione di vino italiano: condividendo col mondo questo infuso di bellezza, nettare di piacere, succo di conoscenza e sogno. Qualità e valori che legano la famiglia Pizzolo alla cultura e all’etica dell’azienda Enoitalia, che ha sviluppato un modello aziendale non schiavo dei retaggi secolari e dei cliché del settore vitivinicolo, ma focalizzato sull’innovazione. Enoitalia ha infranto ogni schema classico che relegasse il vino e l’italianità ad un modello ripetitivo, e ha espresso l’italianità in un modo diverso e creativo. Il nuovo logo aziendale, ispirato alla genialità illustrativa di Osvaldo Cavandoli, prende le distanze dalle convenzioni del settore per esprimere la vera essenza del vino: piacere e divertimento. Il “Noi” in rosso contenuto nel logo riassume il valore collettivo di una azienda famigliare che fonda la sua leadership sulla filiera, solcando una sorta di nuova “via della seta”: dedicata a infondere emozioni, trasmettere valori e divulgare italianità.
Di fatto Enoitalia è talent scout delle genialità italiane tutti i settori, a cominciare dell’arte nelle sue diverse espressioni, fino alla scienza.
Le ispirazioni di base che ci hanno guidato per la scelta delle correnti artistiche - e quindi di conseguenza per i pittori che maggiormente hanno delineato l'arte contemporanea - sono state l'influenza emotiva/emozionale e il forte cambiamento antropologico, fenomeni sociali legati all'era dell'industrializzazione.
Dagli anni 40-50 ad oggi l'aspetto tecnologico ha spinto l'essere umano verso il concetto di innovazione come metro di evoluzione.
Gli artisti, anime di confine, osservano, elaborano la loro metrica narrativa per rappresentare la loro contemporaneità. A partire quindi dal primo novecento una rosa di artisti hanno scelto la sperimentazione come espressione artistica attraverso l'uso della semplificazione del tratto, la scelta di colori primari o di toni intensi, dell'uso di ampie campiture, di figure dal tratto netto, segni primari … quasi infantili per catturare il gusto per la vita, la potenza, il movimento, la libertà selvaggia e forte dello spirito, la razionalità attraverso geometrie schematiche.
L'arte contemporanea accetta nuovi simboli narrativi; inserisce l'uso di parole che amplificano concettualità ed espressione. L'industria inventa nuovi canali per farsi conoscere e nuovi "modi" per divulgare la sua presenza. La parola diviene arte e l'arte non si libera più dal vincolo dei fo
nt.
Enoitalia is the project and the vision of a family that for thirty years he dedicated to the Italian wine production: sharing with the world the beauty infusion of pleasure nectar of knowledge juice and dream. Quality and values ​​that bind the family Pizzolo culture and ethics Enoitalia company, which has developed a business model is not a slave of the secular legacy and the wine sectors cliché, but focused on innovation. Enoitalia has broken every classical scheme that relegasse wine and Italian character to a repetitive pattern, and expressed the Italian character in a different and creative. The new corporate logo, inspired by the brilliance of Osvaldo Illustrative Cavandoli, distanced from industry conventions to express the true essence of wine enjoyment and fun. The "we" in red contained in the logo epitomizes the collective value of a family business that bases its leadership on the supply chain, plowing through a sort of new "Silk Road": dedicated to infuse emotions, convey values ​​and disseminate Italian spirit. In fact Enoitalia is talent scout of Italian genius all sectors, starting with art in its various expressions, up to science. The basic inspirations that have guided us for the choice of the artistic currents - and so consequently to the painters who most outlined contemporary art - they have been the emotional impact / emotional and the strong anthropological change, social phenomena related to ' era of industrialization. 40-50 years from now the technological aspect has pushed the human being towards the concept of innovation as evolution meters. The artists, border souls, observe, develop their metric narrative to represent their contemporaneity. Starting then from the early twentieth century a group of artists have chosen the trial as an artistic expression through the use of the simplification of the stroke, the choice of primary colors or intense colors, the use of wide background paintings, the figures from the net section, signs primary ... almost childish to capture the taste for life, the power, the movement, the wild freedom and strong spirit, rationality through schematic geometries. Contemporary art accepts new narrative symbols; inserts the use of words that amplify and conceptual expression. The industry invents new channels to make themselves known and new "ways" to spread its presence. The word becomes art, and art is not more free from constraint font.
Back to Top